RAEE

 

NORMATIVA RAEE

D.Lgs.49 del 14 Marzo 2014

Attuazione della direttiva 2012/19/Ue sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee)


Normativa specifica contiene gli obblighi di gestione e finanziamento, in capo ai produttori di AEE, delle operazioni di ritiro, trasporto e gestione dei RAEE domestici e anche di raccolta dei RAEE professionali.

Il D. Lgs 49/2014 stabilisce misure e procedure finalizzate a:

a) prevenire la produzione di RAEE;

b) promuovere il reimpiego, il riciclaggio e le altre forme di recupero dei RAEE, in modo da ridurne la quantità da avviare allo smaltimento;

c) migliorare, sotto il profilo ambientale, l’intervento dei soggetti che partecipano al ciclo di vita di dette apparecchiature (ad esempio produttori, distributori, consumatori e operatori direttamente coinvolti nel trattamento dei RAEE);

d) ridurre l’uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

NORMATIVA RIFIUTI

D. Lgs. 152 del 2006

(Testo Unico Ambientale)


Il Testo Unico Ambientale contiene la disciplina generale e organica in materia di rifiuti. Le sue disposizioni sono applicabili anche ai RAEE (art. 177).
Prevede l’emanazione di decreti attuativi per la sua implementazione.

Legge 18 giugno 2009 n. 69’adozione di decreti legislativi integrativi e correttivi in materia ambientale, da attuarsi entro il 30 giugno 2010.

AEE & RAEE

DEFINIZIONI

AEE
Le AEE sono le Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche che dipendono, per il loro funzionamento, da correnti elettriche o da campi elettromagnetici e le apparecchiature di generazione, di trasferimento e di misura di questi campi e correnti, appartenenti alle categorie di cui all’allegato 1 del D.Lgs n.49 del 14 Marzo 2014.

RAEE
I RAEE sono i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e che sono considerate rifiuti ai sensi dell'articolo 183, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. Nella definizione di RAEE sono inclusi tutti i componenti, i sottoinsiemi ed i materiali di consumo che sono parte integrante del prodotto nel momento in cui il detentore si disfi, abbia l'intenzione o l'obbligo disfarsene.
I RAEE si distinguono in base alla provenienza in:
RAEE domestici: i Raee originati dai nuclei domestici e i Raee di origine commerciale, industriale, istituzionale e di altro tipo, analoghi, per natura e quantità, a quelli originati dai nuclei domestici. I rifiuti delle Aee che potrebbero essere usate sia dai nuclei domestici che da utilizzatori diversi dai nuclei domestici sono in ogni caso considerati Raee provenienti dai nuclei domestici;

RAEE professionali: i Raee diversi da quelli provenienti dai nuclei domestici.